lunedì 24 marzo 2014

Papa F1 e Laicità

CHIESA
Bergoglio, Papa Laico

L'Arena
sabato 22 marzo 2014 – LETTERE – Pagina 27

Nuovissimo premio internazionale per papa Francesco! Dopo le prima di copertina di Time, Vanity Fair, Rolling Stone e della rivista gay The Advocate, questa volta l'ambita onorificenza è arrivata da Fortune. La popolare rivista economica americana ha dichiarato Bergoglio personaggio più importante ed influente del pianeta. Il magazine dei ricchi ha conferito l'ennesima medaglia sul petto dell'apostolo della povertà Bergoglio asserendo che «nel breve tempo trascorso, Francesco ha elettrizzato la Chiesa e ha attirato legioni di ammiratori non-cattolici impostando energicamente una nuova direzione. Ha rifiutato di occupare i sontuosi appartamenti papali, ha lavato i piedi di una detenuta musulmana, viene condotto in giro per Roma su una Ford Focus, e notoriamente ha chiesto “Chi sono io per giudicare?” per quanto riguarda la visione della Chiesa su propri membri gay».
Avendo bene a mente (anche se i giornali ne parlano poco) che Bergoglio non viene particolarmente apprezzato dalle frange conservatrici che si annidano in Vaticano, e che, al contrario, viene «venerato» come una reliquia laica dagli atei, dai lontani da Dio, dalle classi operaie e dai gay, non sarebbe il caso di proclamare Bergoglio Papa Laico? Dopotutto, lo ha ammesso lui stesso che Dio non è cattolico.
Gianni Toffali. Verona.


Risposta di Angelo Campedelli:
lettera inviata il 24 marzo 2014 alla redazione del giornale
titolo originale: CHIESA Bergoglio, Papa Cattolico
titolo di stampa: BERGOGLIO Citare le frasi

L'Arena
mercoledì 02 aprile 2014 – LETTERE – Pagina19

Mi allaccio alla lettera apparsa sabato 22 marzo su L’Arena dal titolo “Bergoglio, Papa Laico” a firma del sig. Gianni Toffali.
Essendo ateo e coordinatore del Circolo UAAR di Verona, parlo non solo a nome personale ma anche di tutti gli atei ed agnostici della Provincia.
Noi atei-agnostici non veneriamo nessuno, neanche il papa Francesco (per quanto possa essere bravo), e tanto meno lo consideriamo una “reliquia laica”. Per noi, può anche darsi che un papa possa essere laico (nel senso di rispettare la laicità degli Stati), ma in ogni caso non sarà mai una reliquia.
Uno Stato è effettivamente laico quando non finanzia alcuna religione (8x1.000), quando non prevede l’insegnamento di una qualunque religione nelle sue scuole (IRC), quando non espone simboli religiosi nei suoi luoghi istituzionali (crocifissi), quando non permette interferenze religiose nelle sue leggi riguardanti i diritti civili (testamento biologico, eutanasia, matrimonio per le persone lgbt, fecondazione medicalmente assistita, pillola abortiva ed aborto garantito nelle strutture ospedaliere statali), eccetera.
Per contro, la laicità di questo papa è ancora tutta da vedere. Per noi, sarà un papa laico solo quando si comporterà diversamente da ciò che Gaetano Salvemini diceva dei cattolici negli anni cinquanta: “Essi (i cattolici) rivendicano le loro libertà in base ai nostri principi (laicisti), e negano le nostre libertà in base ai loro principi (religiosi)”.
Inoltre, non sarebbe male citare nella loro interezza le frasi dette da altri. Mi riferisco a quanto pronunciato dal papa nella sua intervista con Eugenio Scalfari: lui non ha detto “Dio non è cattolico” (come riportato dal sig. Toffali), ha detto “Dio non è cattolico perché è universale”, che è ben altra cosa.

Campedelli Angelo, coordinatore del circolo UAAR (Unione degli Atei e degli Agnostici Razionalisti) di Verona

4 commenti:

  1. Tantissima IGNORANZA, vi credete esponenti di un qualcosa che non conoscete nemmeno.
    E non lo dico da credente.
    Non perdo nemmeno tempo ad argomentare che tanto non mi approvate il commento, come già successo milioni di volte.
    Oltre a non sentirmi "rappresentato" (ma poi, perché devo essere rappresentato?) da voi, mi sento offeso. Siete voi che portate la gente nei luoghi comuni degli atei e li confermate.
    L'ateismo non è sinonimo di ignoranza, detto questo, sarebbe bello che questo covo abissale di schifo svanisse in un buco nero.

    RispondiElimina
  2. gentile Anonimo.
    1 - "tantissima ignoranza": dare giudizi senza dare spiegazioni è come fare un buco nell'acqua.
    2 - "vi credete esponenti di un qualcosa che non conoscete nemmeno": cioè? "esponenti" di che? cos'è che "non conosciamo nemmeno"?
    3 - "Non perdo nemmeno tempo ad argomentare che tanto non mi approvate il commento": ogni commento viene sempre approvato quando non contiene offese. se lei non argomenta è solo preché non ha argomenti da esporre.
    4 - "Oltre a non sentirmi "rappresentato"": va bene! nessuno le ha chiesto di essere rappresentato.
    5 - "mi sento offeso": mamma mia! e cosa mai abbiamo fatto per offenderla?!
    6 - "Siete voi che portate la gente nei luoghi comuni degli atei e li confermate": cosa facciamo?? noi non "portiamo" nessuno da nessuna parte! chi viene da noi lo fa spontaneamente e liberamente! non battezziamo nessuno! né li "confermiamo"!
    7 - "L'ateismo non è sinonimo di ignoranza": giusto! questa è l'unica cosa giusta in tutto il suo discorso.
    8 - "sarebbe bello che questo covo abissale di schifo svanisse in un buco nero": si riferisce alla CCAR?

    RispondiElimina
  3. Angelo, ma non dirmi che Bergoglio non ti piace!!!!
    Quando parla mi sembra quasi di sentire te!
    Se non ti converte lui....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. caro Gianni.
      "papaciccio" (così come affettusamente viene chiamato) non ha mai dato alcun segno di laicità, quindi non vedo proprio come possa piacermi.
      a parole ne dice tante di cose belle "rivoluzionarie" (una chiesa povera, "chi sono io per giudicare", ecc. ecc.), ma nei fatti è come gli altri papi: è passato un anno e non è cambiato niente! ergo.....

      Elimina