giovedì 12 giugno 2014

Diciamo "No!" all'odio delle "sentinelle in piedi"

Domenica 15, ore 17.00, piazza Bra 
PER LA VERA LAICITA' DELLE ISTITUZIONI 
DICIAMO "NO!" ALL'ODIO DELLE "SENTINELLE IN PIEDI" 
il Circolo UAAR di Verona aderisce all'iniziativa organizzata dal circolo MILK LGBT di Verona.

6 commenti:

  1. Avete paura di chi pensa diversamente?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. noi non abbiamo paura di chi PENSA diversamente da noi.
      abbiamo paura di chi vuole imporre a tutti (diversamente credenti, agnostici, atei) la SUA visione della vita.
      loro, invece, essendo abituati al PENSIERO UNICO (il loro), hanno paura del LIBERO PENSIERO, in questo caso di legalizzare le unioni gay.
      detta in altre parole: non abbiamo paura di Dio, ma del suo "fan club".....

      Elimina
    2. Non vedo odio nelle manifestazioni pacifiche delle Sentinelle, lo vedo in coloro che le contrastano con insulti e disturbi continui senza cercare dialogo e confronto.

      Elimina
    3. certo, sono manifestazioni pacifiche (ci mancherebbe pure che fossero armate), ma il loro CONTENUTO è di odio verso il mondo LGBT.
      vedi, caro Anonimo, o i DIRITTI lo sono per tutti o altrimenti sono PRIVILEGI per alcuni e DISCRIMINAZIONI per altri.
      la rivoluzione americana prima, e la francese poi, sono state delle vere rivoluzioni culturali e sociali: da loro sono nati, e si sono affermati, i valori di libertà, uguaglianza, giustizia (si iniziò ad abolire la stessa schiavitù, e successivamente l'apartheid), che poi sfociarono nella Dichiarazione Universale dei Diritti Umani.
      in fatto di contestare i diritti agli omosessuali, trovo giusto che si protesti contro le manifestazioni delle "sentinelle" per il semplice motivo che quelle manifestazioni vanno contro i Diritti Umani.
      e quelle manifestazioni non sono semplici affermazioni di opinioni: anche Hitler aveva la sua opinione in fatto di omosessuali, e poi sappiamo tutti come è andata a finire..........
      circa il "cercare dialogo e confronto" penso sia abbastanza chiaro che è impossibile: come possono dialogare e confrontarsi due posizioni che sono una per il SI' ai diritti e l'altra per il NO?

      Elimina
  2. L’associazione psicologi italiani scrive: “L’associazione Italiana di Psicologia ricorda che le affermazioni secondo cui i bambini, per crescere bene, avrebbero bisogno di una madre e di un padre, non trovano riscontro nella ricerca internazionale. Infatti, i risultati delle ricerche psicologiche hanno da tempo documentato come il benessere psico-sociale dei membri dei gruppi familiari non sia tanto legato alla forma che il gruppo assume, quanto alla qualità dei processi e delle dinamiche relazionali che si attualizzano al suo interno. In altre parole, non sono né il numero né il genere dei genitori a garantire di per sé le condizioni di sviluppo migliori per i bambini, bensì la loro capacità di assumere questi ruoli e le responsabilità educative che ne derivano. In particolare, la ricerca psicologica ha messo in evidenza che ciò che è importante per il benessere dei bambini è la qualità dell’ambiente familiare che i genitori forniscono loro, indipendentemente dal fatto che essi siano dello stesso sesso”.

    RispondiElimina
  3. In Europa, l'adozione da parte di coppie dello stesso sesso è legale in Regno Unito, Spagna, Svezia, Norvegia, Danimarca, Belgio, Paesi Bassi, Islanda e Francia.
    Nel resto del mondo, le adozioni gay sono legali in 11 Stati degli USA, Canada, Brasile, Argentina, Israele, alcuni Stati dell’Australia, Uruguay, parte del Messico e Sudafrica.

    RispondiElimina